Vuoi cambiare le finestre di casa? Attento a non farti “solo” vendere delle finestre: ci perderesti più soldi di quello che pensi!

Un serramentista, per fare un buon servizio al proprio cliente, deve fargli presente tre fattori fondamentali, dai quali dipende la soluzione del suo problema. Deve poi proporgli delle soluzioni davvero efficaci e adatte alla sua abitazione. Infine, ultimo ma non meno importante, lo deve fare a un costo onesto.

Vediamo ora quali sono questi tre fattori:

1. La dispersione termica:

Il vetro della finestra, come abbiamo già spiegato, può essere un elemento di dispersione del calore generato dal riscaldamento di casa.

Il cassonetto, in compenso, è un vero è proprio “buco” dal quale può uscire una quantità esagerata di calore. A questo punto ti sarà già chiaro che un bravo serramentista dovrebbe proporre al proprio cliente di coibentare il cassonetto, per ridurre se non addirittura eliminare la dispersione di calore in quel punto.

Ebbene, devo dire che molti specialisti questo problema effettivamente lo evidenziano, proponendo al proprio cliente delle soluzioni anche a costi contenuti. Ma, come avrai capito, c’è un però…

Se si va a verificare (e a noi capita spesso) lo spessore della coibentazione installata, beh… quei 5mm attaccati al cassonetto non sono serviti a nulla! Per quanto poco hanno fatto spendere, quelli sono sicuramente soldi buttati via.

Vogliamo parlare del passacinghia? Quello, in compenso, viene quasi sempre lasciato completamente aperto! E i due passaggi davanti e dietro il telo tapparella? Anche quelli non vengono considerati…

Insomma, esistono tanti modi per coibentare un cassonetto, ma uno solo è quello giusto: quello efficace!
Il costo di una buona coibentazione si aggira sui €100,00 a cassonetto, ma incide per il 25% della dispersione termica del foro finestra. Dici poco?

Riassumendo, un bravo serramentista dovrebbe conoscere la differenza tra vendere prodotti e risolvere problemi!

Ma passiamo al secondo fattore.

2. Il marmo passante del bancale dove appoggia la finestra:

Questo piccolissimo elemento incide per il 10 % della dispersione del foro finestra ma può arrecare danni notevoli in termine di muffa.

Quando si sostituisce una finestra vecchia con una di nuova generazione, si rischia che il bancale lasci entrare aria fredda, creando quindi condizioni favorevoli alla prolificazione delle muffe: quando ci sono 20/22 C° nella stanza e il bancale è a 10/11 C°, è sufficiente una percentuale molto bassa di umidità per creare condensa e successivamente la muffa.

Usando un apposito macchinario, e stranamente senza sollevare nemmeno un filo di polvere (perfetto, quindi, in caso di interventi in case già abitate), si pratica un taglio di circa 2 cm, si asporta il materiale tagliato e si isola con schiuma poliuretanica. A questo punto si può montare la nuova finestra.

Alcuni serramentisti fanno presente questo problema, ma pochissimi sanno quale soluzione proporre. Il costo di questa operazione si aggira intorno ai €40,00/ml.

Ma parliamo ora del terzo fattore:

3) Come sostituire le finestre vecchie:

showroom-vitanova_finestre-fossati-3

 

Quando si toglie il serramento vecchio, ci sono tre possibilità:

Togliere le ante e lasciare il telaio delle finestre vecchie, andando “in sormonto”.
E’ un sistema molto pratico, poco invasivo, ed economico, ma riduce la luce della finestra.
Molti diranno, cosa vuoi che siano 5 cm per lato… Beh, se solo dobbiamo sostituire solo 8 finestre (un appartamento medio) perderemmo 1mq di luce. Vi sembra poco? A noi no!!

Togliere le ante e smurare il telaio delle finestre vecchie… Auguri!
Non si sa come siano state fissate le vecchie finestre, perciò il rischio di tirarsi dietro mezzo muro, il rivestimento, il bancale, o di fare altri danni è altissimo e, soprattutto, incalcolabile in termini di costi.
Quindi… dubitate di chi vi preventiva di smurare le finestre, escludendo dal preventivo le opere di muratura. Non sapendo nemmeno lui cosa potrà succedere, si tiene del margine, chiaramente. Ma voi non saprete mai fino alla fine quanto vi costerà l’intera operazione!

Togliere le ante e tagliare il vecchio telaio.
In questo caso non si toccano le eventuali viti o zanche presenti, e il telaio rimane in parte attaccato senza portarsi dietro il muro. Inoltre, si toglie una parte di telaio che riduceva la luce delle finestre sempre di quei “soli” 5cm… Che, ribadisco, non sono affatto pochi!
Il costo di questa lavorazione si aggira sui 100,00€ a finestra.

Bene. Come vedi ci sono molti fattori da prendere in considerazione quando si sostituiscono gli infissi vecchi con infissi nuovi.

Non è un lavoro che si può improvvisare, specie se si mira a risparmiare energia e quindi anche i costi di mantenimento di casa tua.

Come sempre il mio consiglio è di rivolgersi sempre a un professionista della riqualificazione energetica, per evitare di buttare via i vostri soldi.

Spendere poco a volte (spesso!) non è affatto sinonimo di risparmio… Anzi!

VUOI CAMBIARE GLI INFISSI? APPROFITTA DEL MESE DI GIUGNO, ALLO STESSO PREZZO TI REGALIAMO ANCHE LE ZANZARIERE

Hai domande? Contattaci subito!

Chiedi subito informazioni:

Chiama il Numero Verde:
800 960205


In alternativa, se preferisci…

Ti contattiamo noi? Nessun problema:

Scrivi qui sotto i tuoi dati,
(senza impegno):

 Accetto la Privacy Policy


Vitanova Showroom del Risparmio Energetico

Sei in zona Modena? Vieni a trovarci!

La nostra Showroom del risparmio energetico è aperta al pubblico dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì. Siamo sempre disponibili a rispondere alle vostre domande. Ovviamente, senza impegno!

Ci trovi qui: